• Le Bandiere della mia vita

    Sono tre le bandiere
    che ho amato:
    Il tricolore,
    sotto il quale son nato;
    figlio della Lupa
    e Balilla sono stato.

    Quella francese:
    l'altro Tricolore
    che da emigrante
    mi accolse con calore.

    Ed infine
    quella australiana;
    così lontana
    eppur a me tanto vicina:
    È la bandiera
    che m'invita
    a trascorrerci una vita.

    E poi sotto le stelle
    di quel cielo australe
    sono nate le mie belle figliole.
    Parte di me è rinata,
    quindi, un altro ciclo,
    un'altra infanzia ricominciata.


    Salvatore (Sam) Mugavero
    Menzione d'Onore Concorso internazionale di poesia Accademia Letteraria Italo-Australiani Scrittori


Giornata Internazionale della Donna

Organizzata dall’Associazione Agira con la partecipazione della delegazione del SeRES e di altri sodalizi

Giornata Internazionale della Donna

Iniziata con la messa, è continuata con un pranzo e la consegna di un’orchidea a tutte le donne presenti L’associazione Culturale Agira di Sydney, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, anche quest’anno ha voluto rendere omaggio alle donne di tutte le età.  .  L’evento, iniziato quasi in sordina dieci anni or sono, ha raggiunto quest’anno proporzioni veramente imponenti per qualità ed importanza. Ad arricchire la versione 2010 c’è  stata la presenza di esponenti di alcune associazioni siciliane e l’intera delegazione del SeRES, Segretariato Regionale Emigrazione Siciliana, in missione a Sydney e Melbourne per una serie di convegni.

Le celebrazioni sono iniziate domenica 7 marzo, presso la chiesa Our Lady Queen of Peace, con la s. messa in italiano concelebrata  per l’occasione da padre Ignazio Carruba del SeRES e da padre Alberico Iacovone, seguita da un pranzo presso la sala di ricevimenti Mediterranean House di Five Dock. Qui e` stato subito proiettato il videoclip dell’Inno siciliano che e` stato molto applaudito.

Il presidente Mugavero nel suo discorso introduttivo, a nome del suo comitato e dai padri Atanasio e Alberico, ormai considerati parte integrante dell’associazione Agira, dopo aver dato il benvenuto agli ospiti del SERES sac Ignazio Carruba, prof.ssa Giuseppina Palumbo, prof.ssa Marina Castiglione, dott. Giuseppe Difrancesco ed al dott.Mario Borghese dell’Argentina, ha voluto ringraziare tutti i partecipanti ed in particolar modo gli amici rappresentanti di altre associazioni come Len Destro e Sylvia Granturco del CAS, Isabella Restifa dei Giovani Siciliani D’Australia, dott. Felice Merlino, Vittorio Locantro e Sam Iacono dell’ass. Isole Eolie, Dominc Arrivolo e Anthony Ravesi del Gruppo Genealogico Italiano, Peter Maniscalco e Teresa Todaro Restifa dell’ass. S. Antonio da Padova, e Luigi Cantale dell’ass. S. Giuseppe.

Ha poi continuato rilevando l’importanza dell’otto marzo dove le donne di tutto il mondo celebrano le conquiste economiche, politiche e sociali raggiunte e che incerti paesi del mondo come Cina, Russia, Vietnam and Bulgaria questa giornata è stata proclamata “Nazionale”, quindi vacanza. Si e` appena appreso che anche nel Victoria è  festa Nazionale mentre nel NSW speriamo che arrivi nel prossimo futuro.

Il tema di quest’anno è stato: Conferire alle donne l’autorità di porre fine alla povertà per il 2015. Ad aiutare le donne a raggiungere lo scopo c’ è l’organizzazione UNIFEM (United Nations Development Fund for Women) e la nostra ambasciatrice Nicole Kidman che con i loro spot pubblicitari indicano come aiutare questa giusta causa.

Come negli anni passati anche questa volta Sam Mugavero ha donato a tutte le donne in sala delle bellissime orchidee al posto delle mimose qui fuori stagione. Due fortunate donne sono state sorteggiate e premiate con dei cesti colmi di prodotti femminili.

Al termine del pranzo il presidente ha posato per la foto ricordo con tutte le donne presenti in sala, dai tre anni ai 83 anni. Ha quindi concluso  ringraziato i membri del comitato Giuseppe Leggio, Adelina Manno, Filippo Parisi e Grace Telese per la loro collaborazione e il loro lavoro ben fatto e chiuso salutando con un arrivederci l’anno prossimo.

VISITA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’EVENTO

Festa internazionale della donna

Il gruppo di donne alla celebrazione della loro giornata con il presidente Mugavero

CONVEGNO DEL SeRES A SYDNEY

Un’attività proposta dall’ass. Agira, realizzata con il finanziamento della Regione Sicilia e la collaborazione del CAS

C O N V E G N O   D E L    S e R E S    A    S Y D N E Y

Il dialetto siciliano, l’emigrazione siciliana e gli incentivi economici

Al consolato italiano con al centro il vice console Lucia Corneli il vice console Simonetta Tronu e la direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura Alessandra Bertini Malgarini

 

Giunta a Sydney mercoledì 3-marzo, la delegazione  SeRES, comprendente il sacerdote Ignazio Garrubba, la prof.ssa Giuseppina Palumbo, la prof.ssa Marina Castiglione, il dott. Giuseppe Difancesco, ha iniziato la sua  missione nella nostra città visitando giovedì mattina gli uffici del consolato generale. Qui si sono incontrati con il vice-console Maria Lucia  Corneli, l’aggiunto vice Console Simonetta Tronu e la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Alessandra Bertini Malgarini.

Subito dopo, il gruppo  si  è goduto il panorama della baia ed un pò  di atmosfera nel quartiere  “the Rocks”, immortalando alcune immagini delle nostre icone come l’Opera House, il ponte. La delegazione ha poi visitato il Parlamento del NSW, dove è stata accolta con grandi onori dalla “senatrice” statale Marie Ficarra MLC  che, oltre ad occuparsi di persona del tour delle due “camere”,  ha pure offerto un delizioso afternoon tea.

Il giorno dopo i componenti della delegazione hanno fatto sosta  nella Litle Italy in visita agli uffici de La Fiamma e di Rete Italia, dove con Armando Tornari, prima e dopo l’intervista, si sono scambiati parole di amicizia reciproca.

Sabato  è stato il giorno del convegno, che è iniziato, come stabilito, verso le ore 10 con i saluti alle autorità e alle rappresentanze da parte di padre Ignazio. Subito dopo  Eugenio Casamassima, consultore della Regione Sicilia, ha presentato la sua relazione intitolata “Stratificazioni Storiche del dialetto Siciliano”

“Il siciliano: un dialetto in movimento”,  presentato dalla prof.ssa  Marina Castiglione, è stato forse il soggetto più  palatabile dalla maggioranza dei partecipanti. Assistita dall’ausilio di diapositive, l’oratrice ha trascinato lo spettatore a rivivere la storia e le varie invasioni della Sicilia e non solo.  

Ha dimostrato il perché  in diverse parti della Sicilia si parla diversamente portando l’esempio della parola Patacò (farina bollita con acqua e verdure) altrove chiamata polenta, che in alcune parti sella Sicilia la chiamavano Picioci e in altre  Frascatuli. La Castiglione ha sottolineato che questo è il risultato dell’insediamento dei vari popoli in Sicilia: dai sicani ai felici, dai greci ai bizantini, dagli arabi ai normanni, tutti hanno lasciato qualcosa di bello ma anche creato una confusione linguistica.

Il siciliano è un dialetto  discendente del Latino,  portato in Sicilia dei romani dopo aver incorporato l’Isola verso il 261 BC. Attraverso gli anni i siciliani hanno assorbito vocaboli da differenti lingue, inclusi il  greco, il latino, l’arabo,  il francese, il lombardo, il provenzale, il tedesco, il catalano, lo spagnolo, l’italiano, come pure lingue degli abitanti pre-Romani dell’Isola: i sicani, gli elymi, i siculi e i fenici.

Il siciliano venne per prima usato per iscritto durante il regno di Federico II (1198-1250. Da quando è stato usato per iscritto non si è mai avuto un sistema base di ortografia.  

Poi  è  stata la volta del prof. Desmond O’Connor, professore di italiano presso la Flinders University di Adelaide, appassionato della cultura e della storia della dell’emigrazione siciliana nel Sud Australia. Nel suo intervento ha avuto parole di elogio per i siciliani sottolineando che la Sicilia ha dato molto al mondo, ma i migliori  prodotti d’esportazione sono stati i siciliani stessi.

Dopo la pausa del pranzo le relazioni sono riprese con l’intervento della prof.ssa Giuseppina Palumbo, segretaria del SeRES, co-direttore di Migrantes e segretaria dell’ufficio comunicazioni sociali della diocesi di Caltanissetta. Da un ventennio si occupa di fenomeni legali alle migrazioni, con interventi nelle Missioni Cattoliche in Europa, in America latina, Stati Uniti, Canada e Australia. Il suo tema è stato: “Essere siciliani nel mondo della globalizzazione.

A chiudere le relazioni è stato il dott. Giuseppe Difrancesco con la sua relazione dal titolo: “Siciliani d’Australia. Emigrazione od opportunità”. L’oratore ha parlato degli incentivi economici disponibili per i siciliani all’estero, che includono finanziamenti a fondo perduto e/o a basso tasso d’interesse.  Ha svolto il compito di moderatore, con la sua nota bravura, Francesco Giacobbe.

La stessa sera la delegazione è stata ospite dell’Associazione Trinacria, mentre la domenica con l’aiuto di padre Alberico Iacovone è stata concelebrata la santa presso la chiesa Our Lady Queen of Peace di Gladesville da padre Ignazio Carruba con una performance da Cardinale. Quindi, l’associazione Agira, ed il presidente Sam Mugavero promotore dell’iniziativa, coadiuvato da alcune associazioni del CAS, ha invitato tutta la delegazione alle celebrazioni della giornata Internazionale della Donna dove ha incontrato presso la Mediterranean House ben note personalità e rappresentanti di altre associazioni siciliane.

La comitiva è quindi partita alla volta di Melbourne per il convegno nel Victoria dove, sia il Consolato Italiano che l’Istituto Italiano di Cultura hanno aderito a promuovere, organizzare e co-finanziare questo importante evento.

                                                                                                                                 S.M.

VISITA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Conclusa la visita della delegazione ceramese

Con gli incontri al Club Marconi, al Comites, e all’Italian Forum ed  i ricevimenti al Curzon’s Hall e in casa Noiosi                            

Conclusa la visita della delegazione ceramese

cONCLUSIONE VISITA DELLEGAZIONE CERAMESE IN aUSTRALIA

Gli interpreti della commedia Lino Milia, Gisella Sutera, Michelangelo Testa, Sandro Biondo Maria Rosaria Mascerà e Angelo Messina

Si è felicemente conclusa la missione ceramese in Sydney che ha registrato un grande successo, suscitando una  commozione reciproca che ha “toccato” il cuore di tutti. Mai come in questo caso  si è vissuto un incontro così affabile fra conterranei siciliani in terra Australe. Sin dal loro arrivo, Il sindaco prof Michele Pitronaci e tutta la delegazione hanno fatto del tutto per rendersi simpatici a tutti per la loro fraterna modestia e saggezza.  La loro massacrante tourné iniziata quasi subito il loro arrivo a Sydney, partecipando domenica mattina nella chiesa di Our Lady of Lourdes di Erlwood alla santa messa in onore  di   San Sebastiano Martire, dove hanno avuto modo d’incontrare il comitato dell’Associazione S. Sebastiano Martire e numerosissimi soci. Nel pomeriggio al Club Marconi si è svolto l’incontro-cena con la comunità ceramese, nel corso del quale la delegazione ha avuto il piacere ’incontrare i leader dei sodalizi siciliani del NSW.

Un altro giorno, altre visite. Prima tappa nell’ufficio del Comites per incontrare il presidente Giuseppe Musso ed il vice presidente Joe Di Giacomo. Subito dopo la delegazione ha visitato gli uffici de La Fiamma. Quindi, restando nei paraggi, non poteva mancare la visita all’Italian Forum e al Centro Culturale italiano,dove il presidente Francesco Giacobbe ha spiegato le peripezie incontrate per poter arrivare al risultato attuale. 

Il pranzo e la visita al castello (Curzon’s Hall) della famiglia Navarra di tutta la delegazione, e poi la festa dell’Australia Day  con un ben nutrito numero ospiti nella villa di Tony Noiosi, sono stati i momenti che hanno caratterizzato la vera ospitalità dei siciliani d’Australia oltre al vero cuore dei vari Navarra, Noiosi e tanti altri che si sono prodigati per rendere la visita dei ceramesi di loro gradimento.

La commedia “Fumo negli occhi” portata in scena sia al  Club Italia sabato 30 gennaio che al Marconi Club domenica il 31 dai giovani dell’associazione culturale “Il Gabbiano”,   ha ottenuto uno strepitoso successo grazie alla bravura dei protagonisti interpreti, alcuni dei quali hanno dimostrato spirito di allegra comicità  anche nella vita privata: Maria Rosaria Mascerà  nelle vesti della signora Rosa, Lino Milia nel ruolo di Casimiro Cassarà (marito di Rosa), Angelo Messina (il figlio), Michelangelo Testa nel ruolo del nonno, padre di  Cassara`, Gisella Sutera nell’interpretazione della signora Pipitone e di Carmelina (la cameriera), Sandro Biondo nel ruolo del ladro.

Il sindaco si è  pure ricordato dei paesani scomparsi, visitando vari cimiteri e posto una corona d’alloro nell’ara del milite ignoto.

                                                                                                                                                Sam Mugavero

VAI ALLA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’EVENTO

Serata in onore della delegazione del Comune di Cerami

Il sindaco Pitronaci: <L’obiettivo è valorizzare la cultura siciliana>

<<È un sogno inseguito da anni>>

Tony Noiosi, tra gli artefici dello storico evento,  è  stato nominato ambasciatore di Cerami   

 Pubblico delle grandi occasioni al Marconi Club domenica 24 gennaio scorso, dove i siciliani ed in particolare i ceramesi di Sydney si son dati appuntamento per festeggiare i loro conterranei ovvero la delegazione del comune di Cerami (Enna) capeggiata dal   sindaco prof. Michele Pitronaci, dal rag. Mario Messina, dall’assessore Salvatore Manuele, dall’avvocato Michele Grasso e dal funzionario della Regione Sicilia dott. Vincenzo La Fata, unitamente ad otto componenti dell’Assocazione Culturale Teatrale “Il Gabbiano”.
La delegazione del Comune di Cerami in Australia

La delegazione al completo

Oltre 350 persone hanno gremito l’auditorium del Club Marconi di tutta la sua ampiezza.

Una moltitudine di ceramesi di Sydney e i dirigenti di altre associazioni siciliane hanno applaudito i distinti ospiti.

Ad aprire i discorsi di rito e` stato il presidente del Circolo Siciliano cav. Luigi Stivala che lieto di aver contribuito a (come lui stesso l’ha definito) questo evento storico, ha ringraziato l’altro pilastro portante dell’iniziativa, cav. uff. Tony Noiosi per il suo valido contributo e poi la compagine ceramese per averci creduto sin dall’inizio.

Il sindaco Pitronaci nel suo intervento ha detto: “Esprimo con gioia la mia personale soddisfazione e quella dell’Amministrazione Comunale per essere riusciti, finalmente, a concretizzare I’ importante iniziativa culturale in favore del siciliani che vivono nella lontanissima terra d’Australia. Abbiamo inseguito questo sogno per anni, Amministrazione Comunale e l’Associazione “II Gabbiano” da una parte, e voi, amati concittadini ceramesi dall’altra.

Con piacere abbiamo accolto il gradito invito formulato dal Presidente del Circolo Siciliano di Sydney cav. Luigi Stivala e dal cav. Tony Noiosi, a cui va tutta la nostra riconoscenza, e ci siamo immediatamente attivati presso I’Assessorato Regionale del Lavoro e dell’Emigrazione al fine di perfezionare I’iter amministrativo per I’approvazione del progetto culturale. Non e stato semplice il percorso burocratico, per le note difficoltà finanziarie della Regione. Pur tuttavia, nonostante il limitato contributo finanziario, abbia­mo fermamente voluto che I’iniziativa venisse concretizzata, perché nella stessa abbiamo intravisto la reale possibilità di rinsaldare i sentimenti! di amicizia e fratellanza che ci  legano a tutti voi, nostri cari concittadini residenti a Sydney, e perché abbiamo altresì intuito come voi tutti avevate a cuore la nostra visita e la realizzazione dell’evento culturale.

L’obieftivo di questa iniziativa e quello di valorizzare gli aspetti più qualificanti della cultura siciliana e di promuovere turisticamente la Città di Cerami, ricca di storia e di tradizioni, che ha visto il susseguirsi, nei secoli, di quasi tutte le civiltà che hanno fatto grande la storia della Sicilia e vanta oggi un invidiabile patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico. Un particolare grazie all’Associazione Culturale “II Gabbiano”, costituita da un gruppo di giovani integrati nella “Parrocchia S. Ambrogio”, per I’impegno nella valorizzazione delle storiche tradizioni religiose, culturali e folkloristiche di Cerami e nella promozione ed incentivazione di attività socio-culturali, artistiche e teatrali nel nostro paese. A nome mio personale e dell’Amministrazione Comunale esprimo un sentito grazie a Sua Ecc.za il Console Generale d’ltalia a Sydney, dott. Benedetto Latteri, per aver accolto con favore la nostra iniziativa, ed ancora all’On. le Assessore Regionale del Lavoro ed Emigrazione, ai funzionari regionali dott. Pio Guida e dott. Vincenzo La Fata, al presidente dell’Associazione “S. Sebastiano”, Angelo Stivala, agli organismi istituzionali e a tutte le Associazioni Italiane e Siciliane in Sydney. La mia personale gratitudine alla Giunta e al Consiglio Comunale, ed ancora, all’Assessore dott. Rosamaria Bonanno e al rag. Mario Messina che ha curato tutta la fase amministrativa ed organizzativa dello straordinario evento.

Un grazie di cuore a voi tutti, ceramesi in Australia. Sana certo che le attività che realizzeremo susciteranno grande interesse da parte dei Siciliani in Australia, la cui valenza storica, artistica e culturale, ritengo, potrà avere una particolare risonanza nella realtà sociale del continente d’oltre oceano e contribuire, senz’altro, ad accrescere I’amicizia tra i popoli”.

Hanno poi parlato dell’iniziativa l’On. Joe Tripodi M.P. ed il presidente del Club Marconi, sig, Tony Campolongo.

Il presidente dell’Associazione Culturale “Il Gabbiano” Maria Grasso, ha raccontato di come l’Associazione Teatrale è nata ed il progresso acquisito in dieci anni di attività che l’ha vista crescere da una semplice compagnia parrocchiale all’attuale invidiabile posizione del settore.

Il Gabbiano vola! E questa volta ha volato lontano: dall’Isola più grande del Mediterraneo alla più grande Isola-Continente dell’Oceania.

Sono poi intervenuti l’avv. Michele Grasso ed il rag. Mario Messina che con immensa emozione ha riepilogato dei ricordi d’infanzia ed in particolar modo la partenza di alcuni suoi parenti per l’Australia.

Maria Grazia Mascerà, veterana rappresentante de “Il Gabbiano” ha portato i saluti dei paesani di Cerami a tutti i ceranesi d’Australia.

Il dott. Francesco Giacobbe nel suo intervento ha portato i saluti e le scuse del pres. Del Comites dott. Pino Musso mentre i ringraziamenti finali li ha fatti il cav. Uff. Tony Noiosi, ritenuto da molti il vero artefice dello storico evento.

Dopo la cena lo scambio di doni da parte del Circolo Siciliano e della delegazione ceramese.

Il sindaco Pitronaci ha voluto ringraziare e presentare delle targhe  personalizzate a personaggi e rappresentanti di Enti ed Associazioni: Tony Noiosi, membro della Consulta Regionale Emigrazione; Luigi Stivala, pres. Circolo Siciliano; Sergio Laurenti, pres. Club Italia; Tony Campolongo, pres. Club Marconi; On. Lich Lalich M.P.; On. Joe Tripodi M.P., John Sidoti, Sindaco di Burwood; Nick Scali, Giuseppe Musso, pres. Comites; Nicola Di Girolamo, pres. Italian Chamber of Commerce; Francesco Giacobbe, pres. Italian Forum; Judge dr Leroy Centerna; Gianluca Buttarello e Armando Tornari direttori del quotidiano “La Fiamma”; Angelo Stivala, pres. Ass. S. Sebastiano Martire; Sam Mugavero, pres. Ass. Culturale Agira; Giuseppe Sgroi, pres. Ass. Castiglionesi; Sam Strano, pres, Ass. Palazzolo Acreide; Orazio Casa, pres. Ass. Trinacria; Vince Porfida, Ass. S. Rocco; Emanuele Tumino, delegato Usef.

   La serata si è  conclusa con il ballo. 

   Ha abilmente condotto la serata il noto maestro di cerimonie Lino Battaglia, ceramese di Sydney.

                                                                                                         Sam Mugavero

VISITA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’EVENTO

Un appello alla solidarietà per Messina

Evento commemorativo del C.A.S. dedicato alle famiglie delle vittime dell’alluvione che ha colpito la città

Gli ospiti donore Luigi De luca, Padre Alberico Iacovone, Maria Giovanna e Peter Maniscalco, il console Benedetto Latteri, Salvatore Luigi De Luca, Gavina De Luca, Chester e Danny Long

 

La collettività italo-australiana di Sydney ha voluto ancora una volta dimostrare di essere partecipe e solidale con quanto accade in Italia, in particolare in occasione di eventi tragici come la recente alluvione che ha colpito Messina e dintorni lo scorso primo ottobre. Per stare assieme e ricordare i corregionali morti durante l’alluvione nel messinese, infatti, il C.A.S. (coordinamento Associazioni Siciliane), sotto gli auspici del console generale d’Ialia a Sydney, Benedetto Latteri, ha organizzato un evento commemorativo dedicato alle famiglie delle vittime rimaste sotto le macerie e mirato a spezzare quella sorta di silenzio caduto sul dolore e sulla gente colpita dalla tragedia i cui contorni sono stati involontariamente offuscati dall’altrettanto recente sisma che ha sconvolto la città di l’Aquila. Un appello alla solidarietà piuttosto che una raccolta di fondi; il voler stare assieme per stare vicini alle famiglie delle vittime, una sorta di sollievo per lo spirito e per l’anima, come ha sottolineato durante l’omelia padre Alberico Iacovone, nella funzione religiosa che ha preceduto la serata conviviale. I nomi di Altolia, Briga, Giampileri, Molino e Scaletta Zanclea,  località protagoniste di un commovente documentario sull’alluvione del primo ottobre 2009 proiettato a metà serata, e con loro gli sfollati con le loro macerie, sono stati rammentati anche dai vari oratori che si sono succeduti al microfono, che hanno diviso con i presenti la propria testimonianza del come è stata vissuta quaggiù la tragedia che ha colpito una terra cara a tutti i messinesi, ma anche ai siciliani e agli italiani in generale. Come il console Latteri, messinese d’origine, che ha rammentato episodi della sua gioventù trascorsa proprio nelle zone colpite.

Spesso i soldi non hanno lo stesso potere dell’amore e della comprensione che gli organizzatori della serata hanno voluto regalare a chi sta soffrendo per le tragiche conseguenze dell’alluvione, ma ciò nonostante ai presenti è stato rivolto l’invito a voler contribuire alla raccolta di risorse finanziarie destinate alla popolazione alluvionata.

G.B. 

Premiati i vincitori del concorso letterario. “Con La Sicilia nel cuore”

Calogero e Carmela Saladino, Paola Angelone, Salvatore Saladino, Luciano Saladino, Luigi De Luca, Pippo Murgida,  Maria Consolari, Pino Natoli, Joe Famularo , Lina Natoli,

Calogero e Carmela Saladino, Paola Angelone, Salvatore Saladino, Luciano Saladino, Luigi De Luca, Pippo Murgida, Maria Consolari, Pino Natoli, Joe Famularo , Lina Natoli,

In occasione della premiazione del concorso letterario “Con la Sicilia nel cuore”, indetto dal Coordinamento Associazioni Siciliane (CAS), lo scorso venerdì 23  Ottobre è   stato allestito un elegante ricevimento presso la Mediterranean House  di Five Dock.

All’evento, magistralmente condotto dal maestro di cerimonie per la serata Francesco Giacobbe, ha partecipato un folto pubblico, incluse tre persone di Melbourne,  che ha seguito con vivo interesse e partecipazione i discorsi di rito.

La serata è iniziata con il benvenuto del vice-Coordinatore del CAS, Salvatore Luigi De  Luca a tutti i convenuti, agli  ospiti d’onore, alla giuria composta di Santo Crisafulli, Maria Pirrello e Charlie Pollicina ed ai rappresentanti delle associazioni aderenti al CAS: Associazione Agira, Ass. Culturale Eoliana, Ass. Giovani Siciliani, Italian Family History Group del Co.As.It, Ass. Isole Eolie, Ass. Palazzolo Acreide, Ass. Palermitani, Ass. Tre Santi  e Associazione Trinacria.

Ha infine doverosamente ringraziato le associazioni Agira, Isole Eolie, ed Eugenio Casamassima che, col loro patrocinio, hanno reso possibile questo importante evento. Uno speciale ringraziamento e` andato a Sam Mugavero per il suo prezioso contributo in molte iniziative del CAS.

Prima della premiazione dei candidati, Francesco Giacobbe ha ringraziato tutti i partecipanti per l’eccellente qualità delle loro opere, sottolineando le difficoltà  riscontrate dalla giuria nel restringere le scelte ai lavori da premiare; il dott. Giacobbe ha spiegato come ogni autore fosse riuscito a cogliere una o più delle caratteristiche essenziali di quella “sicilianità” menzionata nello stesso titolo del concorso.

Quest’anno, tra i prescelti, il primo premio  è andato a Giovanna Li Volti Guzzardi di Melbourne con il lavoro La Sicilia paradiso del mondo ed il secondo premio a Sebastiana Ilardo di Sydney con Oh! Wonderful Sicilia forever close to me. Altri premi minori sono stati vinti da Franco Coppola (Vic) con U zzu Cicciu sgangulatu, Nella Cicoria (Vic) con Nel mio cuore Sicilia, Rosa Mondio (Vic) con Prati della gioventù, Maria Aprile (Vic) con Negli occhi miei, Calogero Saladino (NSW) con la poesia Alla mia Sicilia e Pasquale Bagnato (NSW) con la poesia Cca Sicilia no me cori. 

Tutte le opere sono state raccolte in delle copie rilegate da distribuire sia ai partecipanti che a chi ne avesse fatto richiesta.

Si è quindi proceduto alla consegna da parte di Santo Crisafulli di un Certificato di Segnalazione di Merito e trofeo CAS a Pasquale Bagnato e a Calogero Saladino, ed alla successiva consegna prima del premio “Menzione d’Onore” alla sig.ra Rosa Mondio da parte del dott. Charlie Pollicina, della seconda classificata Sebastiana Ilardo da parte del dott. Len Destro, e poi del primo premio  vinto da Giovanna Li Volti Guzzardi da Melbourne da parte del dott. Gianluca Buttarello; la sig.ra Giovanna Li Volti Guzzardi ha, a sua volta, premiato Sam Mugavero (Menzione d’Onore) per un suo lavoro partecipante al concorso letterario dell’ALIAS (Accademia Letteraria Italo- Australiana Scrittori) di cui la sig.ra Li Volti Guzzardi è presidente.

È stato quindi proiettato l’atteso documentario “Dallo zolfo al carbone” di Luca Vullo che ha tenuto con il fiato sospeso ed attaccati alla sedia tutti i partecipanti che al termine hanno applaudito a scena aperta.

Alla fine della serata e` stata effettuata una ricca lotteria di premi forniti da vari sponsor, con un eccezionale primo premio di un buono di $1500 offerto per  l’occasione dalla ditta Forza Travel di Haberfield e un’altro buono di $1000 offerto da Broadway Travel & Tours di Melbourne.  

L’ospitalità è stata splendidamente gestita da Fausto Biviano per La Mediterranean House.  

                                                                                               

Ringraziamenti Il CAS, ringrazia sentitamente i seguenti sponsor per il loro valevole contributo:La Fiamma, Forza Travel, Broadway Travel & Tours, Mediterranean House, Associazione Isole Eolie, Associazione Agira, Eugenio Casamassima, Magic Cooker, Leggio & Coco, Michael Iacono, Frank Morchella, Co.As.It. e tutti coloro i quali in un modo o nell’altro si sono prodigati per la riuscita della serata e del concorso stesso.

VISITA LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELL’EVENTO

 

Ballo con carattere culturale

I membri del comitato con gli ex presidenti Orazio Casa e Tina Vaiasinni

I membri del comitato con gli ex presidenti Orazio Casa e Tina Vaiasinni

Organizzato dall’Associazione Agira con la partecipazione di un nutrito numero di personalità

Ballo con carattere culturale

Onorato un personaggio di Agira, il dott. Fortunato Fedele, ritenuto il fondatore della medicina legale

 

L’associazione Agira, anche quest’anno, ha dato un carattere culturale ed elegante al ballo annuale, tenuto sabato 15 agosto a La Mirage di Five Dock con la partecipazione di 120 ospiti.

L’evento ha attirato un nutrito numero di personalità e rappresentanti di Enti e di Associazioni italiane.

Con la festa annuale del sodalizio si è  voluto, infatti, onorare un altro personaggio famoso di Agira (En), e precisamente il dottore Fortunato Fedeleivi nato nel 1550.

Il dottor Fedele è ritenuto il fondatore della medicina legale, per avere compendiato in quattro libri, pubblicati nel 1602, ogni tipo di Relazione sui referti che i medici sono chiamati a presentare nelle cause e nei processi dove sia danno fisico a persone.

Ristampata a Venezia nel 1617 e a Lipsia nel 1674 la sua opera principale ebbe il titolo di «De relationibus medicorum libri quatuor in quibus ea omnia in forensibus et pubblicis causis medico referre solent planissime traduntur».

Mori nel 1630, dopo avere pubblicato anche «Contemplazioni», e, mentre Palermo, che gli dedicherà una via e gli farà scolpire nel marmo quel suo volto scarno e asciutto dall’aspetto bonario e pensoso, si apprestava ad onorarne degnamente la memoria tumulandolo nella chiesa di San Domenico, pantheon della capitale dell’isola, assieme agli altri grandi siciliani, Agira, che gli intitolerà una delle sue piazze principali e ne fisserà l’immagine tra gli affreschi della sala della Cappella della vecchia Biblioteca, ne richiese la salma.                                                          

Venne quindi sepolto nella chiesa di S. Maria degli Angioli, e li si trova tutt’ora, sotto una delle due lapidi grandi poste sul pavimento.

Sam Mugavero da il benvenuto

Sam Mugavero da il benvenuto

Ai presenti ha dato il benvenuto il presidente, Sam Mugavero, ringraziando i convenuti ed in modo particolare padre Atanasio Gonelli, che ha benedetto la mensa, Gianluca Buttarello de La Fiamma, Teresa Todaro Restifa del Comites di Sydney, Felice Montrone della Confederazione Italiani nel Mondo, dott. Len Destro, Orazio Casa, presidente dell’Associazione Trinacria, Dominic Arrivolo del Gruppo Genealogico Italiano del Co.As.It., Vince Cammareri presidente dell’Associazione Scilla e Cariddi e Luigi Cantali, presidente dell’Associazione S. Giuseppe di Nissoria.

Nel suo intervento, per facilitare i giovani e tutti coloro i quali non parlano l’italiano, Mugavero ha voluto narrare brevi cenni sulla vita di Fortunato Fedele in inglese. Ha quindi chiesto a dott. Destro di spiegare in dettagli l’enorme conoscenza medica che grazie a Fortunato Fedele il mondo gode oggi.

 

L'intervento di Len Destro

L'intervento di Len Destro

All’inizio della serata è  stato proiettato l’Inno siciliano, abilmente elaborato con bellissime immagini della Sicilia da Virginia De Luca che ha ottenuto applausi a scena aperta. Durante la serata  è  stata servita una cena di alta classe preparata dai chefs de “La Mirage”, molta apprezatata dai presenti.  Fausto Biviano che ha curato anche l’eccellente servizio ha funto da maestro di cerimonie ed un bravo DJ ha accompagnato le danze.

S.M.

 

 

 

Len Destro, Sam Mugavero,Gianluca Buttarello, Felice Montrone, John Willliams , Teresa Todaro Restifa, Sam Restifa, Vince Cammareri e Filippo Parisi

Len Destro, Sam Mugavero,Gianluca Buttarello, Felice Montrone, John Willliams , Teresa Todaro Restifa, Sam Restifa, Vince Cammareri e Filippo Parisi

  

Solidarieta’ e Spettacolo al Teatro Tenda -Domenica 29 ore 18

Gli AMICI del TEATRO presentano “ l’Altalena per l’Ass. PICCOLO PRINCIPE

 

teatro

L’Ass. Piccolo principe organizza per domenica 29 marzo una interessante pomeridiana di spettacolo con gli Amici del Teatro di Chiaramente Gulfi, che presentano “ L’Altalena “ , commedia di Nino Martoglio.

Lo spettacolo, che avrà inizio alle ore 18,  si inserisce nel quadro di alcune iniziative promosse dall’Associazione “ Picccolo Principe Onlus” , volte a dare pubblico rilievo alle  attivita’ sociali del Gruppo di volontariato.

L’Ass. Piccolo Principe e’ nata nel dicembre del 2003 grazie all’impegno di alcuni professionisti desiderosi di sostenere , con dedizione di puro volontariato, lo sviluppo e la crescita di bambini diversamente abili. Grazie al crescente coinvolgimento di  diversi operatori sociali operanti nel  settore della Disabilita’ Infantile , l’’Ass. Piccolo Principe ha promosso  il principio della “Riabilitazione Sociale “, inteso come complesso di interventi volti a contrastare gli esiti del deficit, a sostenere il raggiungimento di livelli massimi di autonomia fisica, psichica e sociale, e promuovere il benessere psichico  e la più ampia espressione della vita relazionale ed effettiva del bambino colpito da handicap.

Per raggiungere gli scopi sociali, i responsabili della Onlus danno luogo annualmente a diverse iniziative, volte alla raccolta di fondi ed alla promozione delle attività espletate.
L’iniziativa della serata teatrale organizzata con il supporto artistico della Compagnia chiaramontana, e con il patrocinio dell’ Ass. Provinciale ai Servizi Sociali e dell’Ass. alla Cultura del Comune di Ragusa, rientra ampiamente fra le strategie informative   e operative   ideate  dai responsabili della Onlus.

 “L’Altalena”  è un testo tratto dal classico repertorio del teatro dialettale,  che ancora oggi  si lascia gradire, nonostante i tempi mutati rispetto all’originaria ideazione, per il connubio “ Dramma – Comicità “.

Infatti la vicenda amorosa di Neli e Mariddu per Aitina viene filtrata attraverso le magie di un umorismo che attenua i toni della drammaticità della trama.

Anche se la commedia e’ impostata su un mix di sentimenti e risentimenti che sfiorano il dramma, con il ricorso persino alla Rasoiata ,e che passano attraverso l’amore, la seduzione,l’abbandono e l’odio, tuttavia gli Amici del Teatro ne danno una interpretazione in chiave comica e grottesca, trascinando il pubblico ad una risata liberatoria.

Sebastiano D’Angelo
per informazioni.. telefonare al 338 2776379

Gli Amici del Teatro di Chiaramente Gulfi

Gli Amici del Teatro di Chiaramente Gulfi

 

Studenti del liceo di Giarre a Sydney

Al Consolato Generale d'Italia con il Console Benedetto Latteri e il direttore didattico Sergio Rapisardi

Al Consolato Generale d'Italia con il Console Benedetto Latteri e il direttore didattico Sergio Rapisardi

Incontri al consolatod’Italia, All’Istituto di Cultura, al Parlamento del NSW e al Comites

Breve ed intensa visita di lavoro di sette studenti e tre docenti del Liceo Scientifico “Leonardo” di Giarre in Australia dove hanno presentato i risultati di un progetto di ricerca (Migranti) sull’emigrazione dalla zona ionica etnea e sull’immigrazione in Sicilia. Il progetto interdisciplinare iniziato nel 2001 ha coinvolto diverse generazioni di studenti sotto la guida attenta dei docenti di storia, lettere, lingua straniera, arti creative ed informatica.

La visita e’ stata possibile grazie al contributo dell’Assessorato del lavoro, emigrazione ed immigrazione della regione siciliana. L’invito al Liceo Scientifico “Leornardo” di Giarre e’ stato esteso dal CAS-Coordinamento Associazioni Siciliane di Sydney.

Giulia Scandurra, Miriam Grasso, Daniele Cavallaro, Elisa Spataro, Angelica Crisci, Carla Gulisano e Chiara Cardea sono gli studenti di quarto e quinto anno del Liceo che hanno partecipato alla visita in Australia. Ad accompagnarli tre insegnati, le professoresse Grazia Messina (storia e filosofia), Carmela Turnaturi (lettere) ed Angela Cavallaro (inglese), ed il Dott. Vincenzo La Fata dell’assessorato al lavoro della regione Sicilia.

In Australia docenti e studenti hanno percorso lo stesso itinerario di tanti siciliani emigrati di cui hanno raccontato le storie nelle pubblicazioni della loro ricerca: il lavoro nelle piantagioni di canna da zucchero di Tully ed Innisfail e poi il viaggio verso sud a Brisbane e Sydney.

Assistiti da Vince Silvestro, Cirino Quagliata, Joe Turrisi e Francesco Giacobbe, in queste citta’ gli studenti ed i docentihanno visitato scuole locali ed incontrato la comunita’ italiana e rappresentanti istituzionali australiani ed italiani. Durante gli inconstri hanno illustarto in italiano ed inglese gli obiettivi del loro progetto ed i risultati conseguiti. In particolare hanno presentato i libri pubblicati in italiano ed inglese, hanno esposto una mostra di 12 interessanti pannelli sull’emigrazione dalla costa ionica etnea della Sicilia ed hanno proiettato un documentario (Mediteranneo Migrante) sull’immigrazione in Sicilia, in particolare a Mazara del Vallo.

A Sydney, due giornate intense di lavoro. La prima giornata e’ cominciata con la visita all’International Grammar School di Ultimo. Nel pomeriggio gli studenti ed i docenti hanno visitato l’Italian Forum, la Fiamma ed il Comites dove sono stati ricevuti dal Presidente Dott. Pino Musso. In serata hanno partecipato alla riunione dell’Italian Family History Group dove hanno presentato il loro progetto di ricerca in un inglese perfetto e raffinato.La seconda giornata e’ stata la volta degli incontri istituzionali e comunitari. In mattinata visita al Console Generale Dott. Benedetto Latteri ed al Preside Sergio Rapirsardi. Poi visita al parlamento del NSW dove gli studenti sono stati fatti accomodare nei frontbench e nel posto dello Speaker e dove hanno incontrato l’onorevole Angela D’Amore. E’ stata un’esperienza indimenticabile, hanno affermato all’unanimita’ gli student, in Italia e’ impensabile trovare tale disponibilita’ in un’istituzione come il parlamento ma, maggiormenete, essere ricevuti con simpatia, calore umano e disponibilita’ da un parlamentare. Nel pomeriggio ricevimento offerto dal sindaco di Leichhardt Jamie Parker alla presenza di numerosi consiglieri comunali fra cui Rochelle Porteus, Alan Cinis, Vera-Ann Hannaford e Tony Costantino. I consiglieri Costantino e Porteous hanno dato il benvenuto in italiano mentre gli studenti hanno presenatto il progetto in perfetto inglese.

 

I sette studenti del liceo scientifico di Giarre i loro accompagnatori i rappresentanti di alcune associazioni siciliane negli uffici del Comites del Nsw con il Presidente Pino Musso

I sette studenti del liceo scientifico di Giarre i loro accompagnatori i rappresentanti di alcune associazioni siciliane negli uffici del Comites del Nsw con il Presidente Pino Musso

Infine in serata incontro con la comunita’ all’istituto italiano di cultura, ospiti della direttirce dell’istituto la Dott.ssa Annamaria Lelli. Oltre un centinaio i presenti attenti ed estremanente interessati. Moltissimi i complimenti per i contenuti della presentazione, l’alta qualita’ del progetto di ricerca e le ovvie capacita’ degli studenti e docenti.

In generale, i numerosi incontri sono stati caratterizzati da curiosita’ ed interesse. Non capita tutti i giorni incontrare in Australia giovani italiani interessati ai problemi dell’emigrazione. Gli eccellenti risultati di questo progetto di ricerca hanno lasciato un segno indelebile per quanti hanno partecipato alle varie iniziative.

I visitatori hanno avuto la possibilita’ di toccare con mano e comprendere il livello di integrazione della nostra comunita’ nella societa’ Australiana e, quindi, continuare il loro lavoro. Alle storie raccontate nei loro libri e nella mostra, sul coraggio ed i sacrifici degli emigranti che lasciavano la terra natia, possono ora aggiungere capitoli nuovi sui successi conseguiti nella terra di adozione, sul livello di integrazione dei nostri connazionali nella societa’ Australiana, sul contributo di qualita’ dei siciliani e degli italiani allo sviluppo dell’Australia. E saranno queste storie che potranno fornire suggerimenti e riflessioni su come facilitare il processo di integrazione dei tanti immigrati che vivono oggi in Sicilia ed in Italia.

L'On. Angela D'Amore posa con gli studenti al parlamento del Nsw

L'On. Angela D'Amore posa con gli studenti al parlamento del Nsw

Moltissimi i complimenti agli studenti, ai docenti ed al preside del liceo scientifico di Giarre, professore Mario Catanuto, per la realizzazione di questo progetto e l’eccellente qualita’ dei risultati. Non e’ facile realizzare un progetto di ricerca interdisciplinare di questo tipo e produrre risultati di questo livello.

Nelle varie citta’ gli studenti sono stati ospitati da famiglie locali. Si sono trovati benissimo e non smettevano di parlare della disponibilita’ e generosita’ che li ha accolti. Un grazie di vero cuore quindi a quanti hanno contribuito al successo della visita. Vince e Sarina Silvestro, Serafina e Cirino Quagliata, Sarina e Joe Turrisi, Concettina e Con Sciacca, Sam Giglio, le famiglie di Ignazia Rinaldi, Origlio-Ragonese e Rodilosso, gli esponenti del CAS Sylvia Granturco,Sam Strano e Sam Mugavero sono alcuni delle tantissime persone che hanno generosamente contribuito alla riuscita della visita.

Come hanno notato gli studenti, i momenti piu’ difficili sono stati quelli delle partenze. “Non e’ facile salutare chi ti accoglie con affetto ed amore e ti fa sentire come se fossi a casa tua” e’ stato uno dei commenti piu’ comuni. Nuove amicizie sono nate dappertutto. E forse questo e’ uno dei risultati piu’ belli della visita.

Francesco Giacobbe

Gia` apparso su La Fiamma, venerdi sei marzo 2009

“Get together” di agirini e amici

sam-mugavero-e-adelina-manno-consegnano-a-giuseppina-tusa-il-cesto-natalizio-da-lei-vinto1

Sam Mugavero e Adelina Manno consegnano a Giuseppina Tusa il cesto natalizio da lei vinto

 

Tra cultura, religione e folclore e gli eccellenti piatti preparati dai cuochi partenopei

 

 

La serata/incontro organizzata dall’Associazione Agira, tenuta nella sala dell’associazione Napoletana lo scorso sabato 20 dicembre ha ottenuto un lusinghiero successo.

Durante i pasti,  preparati freschi dai bravi cuochi partenopei, è stato proiettato dapprima il video, I presepi a Serradifalco (Cl). Nato da un’idea di padre Filippo Buonasera, i presepi, sistemati lungo un percorso stabilito con figure meccaniche  raffiguranti alcuni vecchi mestieri con canti natalizi di sottofondo, hanno riportato il devoto pubblico nella Sicilia dei tempi passati. Al menu natalizio hanno fatto seguito le rinomate cassatelle di Agira ed il café.

Dopo il successivo intervallo invece, l’attesissimo video della serie Wine trial of Italy (capitolo Sicilia), realizzato da Panorama International Production e diretto da Anthony Luciano, professionalmente narrato in inglese, ha trascinato gli spettatori in ogni angolo della Sicilia ed  in particolar modo presso le migliore e rinomate enoteche.

Fra i commensali si notavano Len Destro, Paul Augimeri, il produttore televisivo Anthony  Luciano, Dominic Arrivolo con il comitato dell’Italian Family History Group del Co.As.It , Giuseppe Lombardo dell’associazione madre Trinacria e gli agirini venuti dall’Italia Filippo e Filippa Andolina e suor Mariagrazia  Lo Iacono a cui e` stato indirizzato un caloroso benvenuto .

 

Il presidente Sam Mugavero, in nome del comitato direttivo composto da Adelina Manno, Filippo Parisi e Marisa Lavermicocca, ha ringraziato tutti i partecipanti, ben lieto di aver potuto organizzare questo “get together’  di agirini dove cultura, religione folkrore sono stati i veri protagonisti.

Un’altra ben riuscita e applaudita serata che si auspica di ripetere.

E quì la gGalleria fotografica dell’evento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: